Tu sei qui: Home
Asterina gibbosa (Pennant, 1777)
Phylum Echinodermata
Classe Asteroidea
Ordine Spinulosa
Famiglia Asterinidae
Genere Asterina
Specie gibbosa
/images/schede/foto_schede/a/asterina_gibbosa.jpg
Autore foto: Michele Abbondanza
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Stellina grassa
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
(I) Stella cuscinetto
GB=Cushion star - F=Etoile verte
In natura
Distribuzione Mediterraneo occidentale, Adriatico e Atlantico orientale dalle isole britanniche al Portogallo.
Descrizione E' una piccola stella di mare (diametro 3-5 cm), a braccia corte, con dorso solitamente verdastro e superficie inferiore (orale) giallastra. Il colore può comunque variare dal grigio-verde al grigio-azzurro all’ocra all’arancio. Il dorso, di aspetto finemente granuloso, è caratterizzato da numerosi tubercoli appena accennati. I sottili pedicelli ambulacrali sporgono dalle estremità delle braccia. Non vi è dimorfismo sessuale; gli esemplari giovani sono maschi e diventano femmine con la crescita (ermafroditismo proterandrico).
Si può incontrare in fondali rocciosi o ghiaiosi a partire da bassissime profondità.
Durante il giorno vive prevalentemente sotto grosse pietre o in grotta.
Caratteristiche Stella a braccia corte
In cattività
L'ambiente in vasca Non ha particolari necessità in acquario ed è una specie molto resistente.
Necessita di illuminazione costante.
Temperature Fino a 24-25° ma può tollerare anche temperature superiori.
Osservazioni E' un stella adattabile ad ogni vasca sia con refrigeratore che senza. Abbisogna di veramente poche cure anche dal punto di vista alimentare. Se avrete la fortuna, peraltro non impossibile, di veder depositare e schiudere le uova di questa specie assisterete ad una vera "nuvola" di piccole stelle che vagano per la vasca. Le ultime schiuse in diverse vasche sono avvenute alla temperatura di 20°C. Pertanto riteniamo che sia la temperatura ideale per assistere al lieto evento.

Necessitano di tante alghe per l’alimentazione. Qualche pastiglia vegetale può aiutare, ma sarebbe bene non pulire i vetri della vasca per un pò.

Accettano di buon grado anche gamberetti decongelati e vegetali come zucchine appena sbollentate (nota di Stefano Rossi)

In teoria non sono molto appetitose. Ma non posso escludere che pesci e/o gamberi molto affamati provino ad addentarle. Capita con tutti.

Sarebbe anche bene fornire la vasca di una lampada UV (non sulla vasca, ma nel filtro) perché queste stelline possono andare incontro a varie malattie batteriche quando presenti in gran numero in uno spazio ristretto. Per il resto dovrebbe essere facile.
Varie e curiosità Secondo la letteratura vive fino a 30 metri di profondità, ed è di solito scarsamente visibile poiché tendenzialmente sciafila: ama cioè l’oscurità. Al contrario di altre stelle marine, può sopportare anche acque estuarine a bassa salinità
Alimentazione Si ciba di ogni residuo organico e svolge un'ottima pulizia del fondo e delle pareti digerendo le alghe. Si nutrono anche di piccolissimi esemplari di attinie e ascidie.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile
Commenti ed osservazioni
Stefano C.A. Rossi Accettano di buon grado anche gamberetti decongelati e vegetali come zucchine appena sbollentate
Valerio Zupo Necessitano di tante alghe per l’alimentazione. Qualche pastiglia vegetale può aiutare, ma sarebbe bene non pulire i vetri della vasca per un pò.
Valerio Zupo In teoria non sono molto appetitose. Ma non posso escludere che pesci e/o gamberi molto affamati provino ad addentarle. Capita con tutti.
Sarebbe anche bene fornire la vasca di una lampada UV (non sulla vasca, ma nel filtro) perché queste stelline possono andare incontro a varie malattie batteriche quando presenti in gran numero in uno spazio ristretto. Per il resto dovrebbe essere facile.



Data ultima revisione: 20/11/2012
Autore scheda: Michele Abbondanza, Antonello Cau, Michele Puddu, Stefano Rossi, Valerio Zupo, con il contributo di Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>