Tu sei qui: Home
Diplodus puntazzo (Cetti, 1777)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Sparidae
Genere Diplodus
Specie puntazzo
/images/schede/foto_schede/d/diplodus_puntazzo.jpg
Autore foto: Sandro Notarangelo
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Sarago pizzuto
In natura
Distribuzione In tutto il Mediterraneo, a profondita’ comprese tra 0 e 100 metri. Comuni anche nelle fasce costiere e nelle isole dell’Atlantico.
Descrizione Tutti i saraghi hanno caratteristiche simili e ben definite: corpo rotondeggiante, robusto e compresso lateralmente, squame argentee, testa di media grandezza, bocca piccola e denti incisivi molto sviluppati. La coda e’ robusta e grande, e in quasi tutte le specie presenta il margine nero. In tutte le specie e’ presente una macchia o banda nera sul peduncolo caudale.
Il Sarago Pizzuto (Diplodus puntazzo) e’ molto simile al D. sargus (Sarago maggiore)e se ne distingue per il profilo del muso molto piu’ allungato.
Caratteristiche Sono pesci forti e robusti, mediamente territoriali, che vivono in branchi piu’ o meno numerosi, colonizzando le tane piu’ ampie nei fondali rocciosi. La presenza dei saraghi sui fondali sabbiosi implica sempre la vicinanza di scogli o di barriere frangiflutto.
In cattività
L'ambiente in vasca I saraghi sono pesci robusti e vivaci, che tollerano range di temperatura da 14° a 28/30°, ad esclusione dei S. Faraone che sono i meno rustici di tutti, e hanno bisogno di salinita’ e temperatura stabili nei loro valori
Necessita di illuminazione costante.
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Osservazioni In genere i saraghi non presentano intolleranze con altri pesci, e convivono in armonia con tutti gli altri pinnuti, anche se esistono delle rare eccezioni, con pesci dal carattere fortemente aggressivo che tormentano e attaccano gli altri pesci.

Con i saraghi in vasca, non potremo allevare gamberi.
Cure Non alimentiamoli troppo, poiche’ altrimenti questi pesci crescono troppo rapidamente, raggiungendo dimensioni inadatte per la vita in acquario.
Alimentazione Non presenta particolari difficolta’: i saraghi amano cibi animali (ma anche vegetali) e si cibano con voracita’, accorrendo velocemente al momento della somministrazione.

Semmai dovremo fare in modo che non mangino tutto loro e che rimanga cibo per pesci di indole piu’ timida!
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile
Commenti ed osservazioni
Stefano Ricci I saraghi si riconoscono facilmente per la colorazione grigio-argentea e la macchia nera presente sul peduncolo caudale, caratteristiche queste comuni a tutte le specie di saraghi. E’ una pesce comune nei nostri mari che si incontra un po’ dappertutto: su fondali rocciosi con sabbia o praterie di posidonie, sia in profondità che in superficie. Si adatta facilmente in acquario, dove si apprezza più che per la colorazione per il suo modo di muoversi tra le rocce, sempre in atteggiamento di caccia. E’ abbastanza vorace e si ciba sia di cibi congelati come cozze e gamberetti che di mangime secco.

Data ultima revisione: 22/11/2012
Autore scheda: Mario Anderson


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>