Tu sei qui: Home
Eunicella singularis (Esper, 1791)
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Ordine Gorgonacea
Famiglia Plexauridi
Genere Eunicella
Specie singularis
/images/schede/foto_schede/e/eunicella_singularis.jpg
Autore foto: Stefano C. A. Rossi
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Gorgonia bianca
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo (rara e addirittura assente in alcune sue zone orientali)
Descrizione Forma colonie arborescenti con le ramificazioni orientate su uno stesso piano e perpendicolari alla direzione delle correnti. Ha ramificazioni meno numerose delle sue congeneri (E.cavolinii, E.verrucosa ). I calici dei polipi sono poco sporgenti, per cui al tatto, essa si presenta liscia. Il colore di fondo è bianco o verdognolo (presenza di alghe simbionti, e ciò spiega la sua predilezione per luoghi bene esposti alla luce). Può raggiungere l’altezza massima di 50 cm. Vive preferibilmente su fondali bene illuminati di natura rocciosa o substrati duri, è anche possibile trovarla su pietre e frammenti calcarei su fondali molli ad una profondità massima di 30 metri.
Caratteristiche Caratteristico animale a forma di candelabro, l’Eunicella si adatta bene alla vita in acquario. Per il suo corretto mantenimento è necessaria la periodica somministrazione di idrossido di calcio.
La sua caratteristica principale è quella di avere alghe unicellulari (zooxantelle) che vivono in simbiosi con i polipi, proprio come le madrepore che costruiscono le scogliere coralline. La presenza di alghe simbionti porta la colonia ad occupare fasce di profondità non troppo elevate, generalmente entro i 40 m.
In cattività
L'ambiente in vasca Importante è posizionarla in zone ben illuminate e con forte presenza di corrente.
E' stata avanzata l'ipotesi, osservando esmplari cresciuti in vasca da riproduzione sessuale (Acquario di Giarre, 2004) che la posizione ideale sia con le punte dei rami rivolte verso la direzione di provenienza della corrente.
Necessita di illuminazione costante.
Temperature Indispensabile il refrigeratore, che dovrebbe mantenere una temperatura non superiore ai 22°C .
Osservazioni Si dovrebbe ridurre il prelievo limitandolo ad esemplari incastrati nelle reti o trovati già staccati. In realtà la gorgonia è uno degli animali più colpiti dalla variazione di temperatura che il Mediterraneo ha subito nell’estate del 1999. In alcune zone, secondo recenti studi, la mortalità di gorgonie ed eunicelle ha toccato il 90% degli esemplari presenti.
Cure I rami devono essere acuratamente fissati in modo che non sfreghino sul substrato; la regolare integrazione del calcio consente una discreta crescita dei rami in acquario, fino a 1 cm/anno.
Devono essere tenute lontane da Actinia sspp., Anemonia sspp., Calliactis parasitica e anche da piccole forme scheletrate come A. calycularis, Cladocora caespitosa: producono danni significativi ai polipi e al cenosarco.
Varie e curiosità Il cenosarco danneggiato viene rapidamente riparato dalla colonia; i tatti riparati presentano talvolta un numero inferiore di polipi.
Alimentazione Nota della Dott. Monica Previati:
"Le zooxantelle, inoltre, pare influenzino anche la dieta di Eunicella singularis che, a differenza delle altre gorgonie solitamente predatrici di zooplancton, sembra prediligere una dieta erbivora.
Si osserva che un’abbondante quantità di cibo, infatti, non induce un’automatica apertura dei tentacoli, come già osservato in Eunicella cavolinii, dove l’espansione e la contrazione sono ritmate ogni 4 ore e sembra siano regolate quindi anche da fattori interni e non dal cibo."
Una regolare somministrazione dei soliti preparati per invertebrati sarà sufficiente; è possibile integrarla con mangimi in polvere a base di spirulina e con fitoplancton.
Incompatibilità In generale con tutti i celenterati che risultano aggressivi nei confronti dei polipi di E. singularis.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
3 - Medio

Data ultima revisione: 21/11/2012
Autore scheda: Willy Smiths Jacobs e Giovanni Verazza, con il contributo di Stefano C. A. Rossi e Aldo Giannone per il livello di difficoltà.


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>