Tu sei qui: Home
Parazoanthus axinellae (Schmidt, 1862)
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Ordine Zoanthidea
Famiglia Parazoanthidae
Genere Parazoanthus
Specie axinellae
/images/schede/foto_schede/p/parazoanthus_axinellae.jpg
Autore foto: Roberto Pillon
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Margherita di mare
In natura
Distribuzione Mediterraneo e Atlantico
Descrizione E’ un anemone coloniale i cui polipi raggiungono al massimo la dimensione di 5 mm di diametro e poco più di 20 mm di altezza. La corona dei tentacoli conta da 24 a 36 filamenti. Ha tentacoli non troppo lunghi a differenza di Epizoanthus arenaceus.
La colorazione varia dal giallo all’arancione. Vive su fondali rocciosi ad una profondità variabile tra 3 e 100 m preferendo zone scarsamente illuminate e l’ingresso delle grotte.
Spesso lo si trova incrostato su altri animali come la spugna Axinella (da cui deriva il nome) o ancora Microcosmus e gorgonie.
Caratteristiche I polipi sono unisessuati, la colonia è ermafrodita e opipara. La deposiozione delle uova avviene a marzo. E' un madreporaro coloniale molto frequente in Mediterraneo che in alcuni casi ricopre le pareti formando quasi un tappeto.
Abbastanza comune sulle pareti sporgenti, o addirittura a picco, di cavità con forti correnti.
Le popolazioni superficiali sono in continuo pericolo a causa dell'inquinamento.
In cattività
L'ambiente in vasca Ambiente coralligeno. Serve il refrigeratore.
Necessita di zone con illuminazione non troppo forte e con corrente presente ma non eccessiva. In realtà come per le altre specie si dovrebbe cercare di riprodurre le caratteristiche del sito di prelievo anche se in acquario i Parazoanthus si adattano spesso a condizioni radicalmente diverse da quelle naturali (forte illuminazione). Si deve stare attenti a posizionare la colonia in modo tale da permettere ai piccoli polipi di aprirsi senza ostacoli.
Temperature Non gradisce temperature più alte di 22°.
Osservazioni Non è un'organismo completamente sciafilo, ma non ama essere posto in piena luce.
La colonia si aprirà ad intervalli irregolari, restando chiusa anche per settimane.
Cure E’ un animale molto bello e delicato che andrebbe allevato in vasche ben avviate e dotate di una certa stabilità di valori.
Alimentazione Si possono utilizzare latte di cozze e preparati per filtratori.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 21/11/2012
Autore scheda: Giovanni Verazza, con il contributo di Michele Abbondanza, Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>