Tu sei qui: Home
Regalecus glesne (Ascanius, 1772)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Lampriformes
Famiglia Regalecidae
Genere Regalecus
Specie glesne
/images/schede/foto_schede/r/regalecus_glesne.jpg
Autore foto: Rita & Luca Ferrari
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Cephalepis octomaculatus Rafinesque, 1810
Cepola gladius Walbaum, 1792
Gymnetrus ascanii Shaw, 1803
Gymnetrus banksii Valenciennes, 1835
Gymnetrus capensis Valenciennes, 1835
Gymnetrus gladius Valenciennes, 1835
Gymnetrus grillii Lindroth, 1798
Gymnetrus hawkenii Bloch, 1795
Gymnetrus longiradiatus Risso, 1820
Gymnetrus telum Valenciennes, 1835
Regalecus banksii (Valenciennes, 1835)
Regalecus caudatus Zugmayer, 1914
Regalecus jonesii Newman, 1860
Regalecus masterii De Vis, 1891
Regalecus pacificus Haast, 1878
Regalecus remipes Brünnich, 1788
Nomi comuni italiani Re di arighe
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
(I) Regaleco
GB=Oarfish, ribbon-fish, DK=sildekonge
In natura
Distribuzione Cosmopolita, vive in tutti i mari tropicali e temperati
Descrizione Ha un corpo lungo e nastriforme, molto compresso lateralmente.
Il corpo è di colore argenteo con qualche striatura scura ed ha una pinna dorsale molto caratteristica, di colore rosso vivo, che lo percorre per tutta la sua lunghezza. I primi raggi sono molto allungati e vanno a formare una sorta di pennacchio sopra il capo. Molto particolari anche le due lunghe pinne ventrali, anch'esse di colore rosso vivo, che hanno la forma di un lungo filamento che termina con un'appendice simile alla pala di un remo.
E' una specie abissale che di norma vive dai 20 ai 3000 m di profondità ma occasionalmente si può incontrare anche in superficie.
Sono molto rari gli avvistamenti di questa specie e la sua biologia è ancora poco nota. E' una specie carnivora.
E' piuttosto fragile e il corpo tende a spezzarsi quando viene catturato o quando si spiaggia.
Raggiunge i 9 m di lunghezza e un peso di diversi quintali.
In cattività
L'ambiente in vasca Necessita di illuminazione costante.
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 22/11/2012
Autore scheda: Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>