Tu sei qui: Home
Sabellaria alveolata (Linnaeus, 1767)
Phylum Annelida
Classe Polychaeta
Ordine Canalipalpata
Sott'ordine Sabellida
Famiglia Sabellariidae
Genere Sabellaria
Specie alveolata
/images/schede/foto_schede/s/sabellaria_alveolata.jpg
Autore foto: Claudio Piacentini
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo
Descrizione Sabellaria alveolata è un anellide polichete di 30 - 40 mm di lunghezza; il suo corpo, formato da 32-37 segmenti, è diviso in tre regioni: la regione anteriore o prostomio, il torace e l’addome; forma tubi, entro i quali vive, con pareti spesse, costituiti da granelli di sabbia o resti di
conchiglie e cementati da una sostanza di origine organica, ricca in P, Ca e Mg, emessa dall’organismo stesso (Gruet et al., 1987). Tali tubi possono raggiungere la lunghezza di 20 cm ed un diametro esterno di 5 mm. Essi spesso, se densamente aggregati, formano strutture esternamente simili ad alveari: da tappeti fini e discontinui si possono quindi formare grandi reefs, costituiti da tubi sovrapposti, estesi anche per molti metri e di 1 m di altezza.
(Ivana Delbono, Carlo Nike Bianchi, Carla Morri)
Caratteristiche Sabellaria alveolata si insedia su substrato solido che può essere rappresentato da un piccolo sasso, da una conchiglia o da un grande masso, a condizione che nell’ambiente circostante sia presente la sabbia di cui l’animale ha bisogno per costruire i suoi tubi.
Numerosi lavori riguardano la natura e la forma dei granelli di sabbia utilizzati da Sabellaria alveolata per la costruzione del tubo in cui vive. In particolare sembra, secondo esperimenti effettuati in
laboratorio, che la natura mineralogica e quindi chimica dei granelli di sabbia utilizzati dall’organismo abbia probabilmente un ruolo importante nella loro scelta (Cerrano et al., 1999);
ma soprattutto la morfoscopia del sedimento sembra rappresentare un fattore selettivo determinante (Gruet & Bodeur, 1994). Sabellaria alveolata, infatti, rifiuta i granelli di sabbia di forma spigolosa, allungata o appiattita, a favore di quelli arrotondati e ben levigati, come il quarzo ed i feldspati. I risultati relativi agli studi effettuati rispetto alla dimensione del granulo medio (Mz) dimostrano che il sedimento utilizzato da Sabellaria alveolata ha granulometria compresa tra 0,4 e 0,7mm (sabbia media e grossolana)
(Ivana Delbono, Carlo Nike Bianchi, Carla Morri)
In cattività
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Osservazioni Sabellaria alveolata si insedia principalmente lungo coste moderatamente aperte ed esposte all’azione delle correnti e del moto ondoso, laddove l’idrodinamismo sia tale da mettere la sabbia in sospensione ma, nello stesso tempo, non sia troppo forte da causare il capovolgimento o
l’erosione dei reefs (Gruet, 1972).

L’organismo vive a profondità comprese tra la superficie ed i 20 m, soprattutto nelle acque costiere intertidali, ma è stato trovato anche nella zona subtidale, come nel Mediterraneo (Gruet, 1986).
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 15/04/2011
Autore scheda: Leonardo Cherici, con il contributo di Michele Abbondanza


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>