Tu sei qui: Home
Sarpa salpa (Linnaeus, 1758)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sott'ordine Percoidei
Famiglia Sparidae
Genere Sarpa
Specie salpa
/images/schede/foto_schede/s/sarpa_salpa.jpg
Autore foto: Marco Gargiulo
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Boops goreensis (Valenciennes, 1830)
Boops salpa (Linnaeus, 1758)
Box goreensis Valenciennes, 1830
Box salpa (Linnaeus, 1758)
Eusalpa salpa (Linnaeus, 1758)
Sparus salpa Linnaeus, 1758
Nomi comuni italiani Salpa
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
GB=salema porgy, Saunders's tern, DK=stribet havrude, D=goudstreepzeebrasem
In natura
Distribuzione Mediterraneo, Mar Nero e Atlantico orientale dal Golfo di Biscaglia al Sud Africa
Descrizione Corpo ovale e compresso lateralmente, capo piccolo, muso ottuso, bocca terminale e piccola.
Ha una tipica colorazione grigio-argentea con 10-12 strisce longitudinali dorate ben visibili. Ha inoltre gli occhi gialli e una macchia nera alla base delle pinne pettorali.
Ha abitudini gregarie e forma banchi numerosi e compatti che si incontrano con molta frequenza nelle basse acque costiere. E infatti una specie molto comune in tutto il Mediterraneo.
Vive in prossimità di fondali rocciosi, sabbiosi, fangosi o detritici ricchi di alghe e in prossimità di praterie di Posidonia dalla superficie fino a circa 15-20 m di profondità.
Questa specie è tra i pochi pesci prevalentemente erbivori del Mediterraneo. Si nutre di alghe, diatomee e piccoli crostacei. Da giovani hanno un'alimentazione prevalentemente carnivora mentre da adulti diventano prevalentemente erbivori.
E' una specie ermafrodita proterandrica e quindi gli esemplari nascono tutti maschi per poi divenire femmine durante lo sviluppo.
Raggiunge i 45-50 cm di lunghezza massima.
Caratteristiche La tipica colorazione a strisce longitudinali rendono questa specie di facile identificazione.
In cattività
Temperature Necessita di temperatura molto stabile.
Alimentazione Questa specie è tra i pochi pesci prevalentemente erbivori del Mediterraneo. Si nutre di alghe, diatomee e piccoli crostacei. Da giovani hanno un'alimentazione prevalentemente carnivora mentre da adulti diventano prevalentemente erbivori.
Incompatibilità Problematico l'allevamento delle alghe.
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
3 - Medio

Data ultima revisione: 17/01/2014
Autore scheda: Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>