Tu sei qui: Home
Scorpaena scrofa (Linnaeus, 1758)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Scorpaeniformes
Sott'ordine Cottoidei
Famiglia Scorpaenidae
Genere Scorpaena
Specie scrofa
/images/schede/foto_schede/s/scorpaena_scrofa.jpg
Autore foto: Graziano Fiocca
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Scorfano rosso
Nomi comuni regionali e internazionali
(Clicca qui per le sigle internazionali)
(I) Scorpena rossa, Scorpena maggiore, Scorfano rosso, Scorfano maggiore, Scrofano maggiore (Italiano); Cappone, Pescio cappon, Capoun, Cappùn, Pesce cappoun, Bezzugo (Liguria); Scorpena rossa, Scorpena d'Istria, Scarupoli (Veneto); Scarpe
GB=Grooper, Poissonet - F=Rascasse rouge, Rascasse truie, Grande rascasse, Rascasse-roujo, Grand Scorpène, Badasco, Capun, Capoun, Grand capoun, Saccaraille, Sakaraila, Saccocle, Sabourolle, Scorpeno, Escorpi, Escorpeno, Euscorpi, Escurpioun, Scorpène rouge, Scorpeine rouge - D=Rascasse rouge, Rascasse truie, Grande rascasse, Rascasse-roujo, Grand Scorpène, Badasco, Capun, Capoun, Grand capoun, Saccaraille, Sakaraila, Saccocle, Sabourolle, Scorpeno, Escorpi, Escorpeno, Euscorpi, Escurpioun, Scorpène rouge, Scorpeine rouge - E=Badasco, Roja, Rotja, Escarpote, Escorpion, Escorpora, Escorpora vermello, Escorpora rotja, Escorpa morena, Polla, Kabravroka, Cabracho, Bona y polla, Ronca, Rana, Gallineta.
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo e Mar Nero. Atlantico Orientale, Isole Britanniche, Azzorre e Canarie fino al Marocco.
Descrizione La testa è grossa, tozza, armata da spine, creste ed escrescenze di varie dimensioni. La fossetta occipitale è poco pronunciata, così come quella sottorbitale. Nella zona della sinfisi mandibolare (l'unione delle due parti della bocca) sono presenti due pori. Numerosi lobi cutanei sono localizzati sulla mascella inferiore, sulle spine preorbitarie e preopercolari e sulla linea laterale. La bocca è grande e possiede denti villiformi sia sulla maschella e sulla volta boccale che sulla mandibola leggermente prominente. la pinna dorsale è unica con 11-12 raggi spinosi e 9 raggi molli. Le scaglie sono ctenoidi (squame con bordo esterno dentellato).
(R.Bedini 2004)
Caratteristiche Colore: la colorazione di fondo è rosso più o meno vivo, talvolta rosato con macchie giallastre, brune o nere. E' presente spesso una macchia nera tra il sesto e l'undicesimo raggio spinoso della pinna dorsale.
Dimensioni=60cm
(R.Bedini 2004)
In cattività
L'ambiente in vasca E' necessario creare anfratti e tenere conto che non può essere inserito in vasche di comunità.
Temperature Condizioni di rispetto biologico della specie tra i 18 e i 25°.
Osservazioni Vive su fondali di coralligeno e su praterie di Posidonia oceanica.
Varie e curiosità Quando è innervosito raddrizza i raggi dorsali provvisti di spine velenifere a cui bisognerà stare attenti durante le operazioni di pulizia della vasca.
Alcuni possessori di questo spettacolare pesce usano porre una lastra plastica e costringerlo in un angolo della vasca durante le fasi di pulizia.

Reg. CEE n. 2406/96 del 26.11.1996 prevede alla tabella 9.1a le categorie di freschezza del prodotto.
Alimentazione Piccoli pezzi di sardina, piccoli gamberetti e molluschi. Preferenza verso animali vivi. Attenzione al primo periodo di adattamento.
Specie affini Scorpaena elongata - Scorpaena porcus - Scorpaena notata - Scorpaena loppei - Scorpaena maderensis
Incompatibilità Tutti i pesci di taglia più piccola -
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile
Commenti ed osservazioni
Bruno Rossi "In caso di puntura occorre mettere subito a bagno in un catino con acqua calda la parte punta. L'acqua deve essere calda, ma non tanto da ustionare (sui 45-50°C). Bisogna mantenere la parte punta a bagno numerosi minuti (15-20) fino a quando il dolore non scema. ovviamente occorre sostituire l'acqua man mano che si raffredda. Essendo il veleno termolabile il bagno caldo è risolutivo.
In rari casi la ferita può infettarsi, in questo caso rivolgersi al medico per la terapia antibiotica.
In rarissimi casi si può verificare una reazione allergica fino allo shock anafilattico. In tal caso chiamare immediatamente il servizio di emergenza (118) e se possibile praticare un'iniezione di cortisone in attesa dei soccorsi"

Questo potrebbe essere di grande utilità non solo a chi possiede tali pesci in acquario, ma anche a chi viene punto al mare.

Data ultima revisione: 22/11/2012
Autore scheda: Michele Abbondanza


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>