Tu sei qui: Home
Syngnathus acus (Linneaus, 1758)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Syngnathiformes
Famiglia Syngnathidae
Genere Syngnathus
Specie acus
/images/schede/foto_schede/s/syngnathus_acus.jpg
Autore foto: Sandro Notarangelo
Informazioni aggiuntive
Nomi comuni italiani Pesce ago
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo ed Oceano Atlantico Orientale fino alla Britannia.
Descrizione Si tratta di un pesce dalla forma allungata e dal muso a “trombetta” che può raggiungere la lunghezza massima di 50 cm. Il corpo è ricoperto di placche ossee al pari dei cugini Ippocampi con cui condivide spesso l’habitat. Vive nelle praterie di fanerogame vicino alla costa e gli estuari dei fiumi fino alla profondità di 50 metri. Il colore è variabile a seconda dell’habitat anche se in genere è marrone scuro con macchie più chiare. Come tutti gli appartenenti alla famiglia Signatidi i maschi sono dotati di una borsa incubatrice dentro la quale avviene la deposizione da parte della femmina.
Caratteristiche Si tratta di un pesce abbastanza timido che preferisce vasche ricche di vegetazione in cui rifugiarsi e assenza di competitori alimentari.
In cattività
L'ambiente in vasca Necessita di una vasca per lui. Priva di qualsiasi altra specie urticante, pesci più veloci (quindi quasi tutti gli altri) e di molte alghe ed anfratti dove si può rifugiare.
Non si possono mettere pompe troppo potenti perchè non è un'eccellenye nuotatore.
Necessita di illuminazione costante.
Temperature Non si dovrebbero superare i 26°C tenendo sempre conto della profondità alla quale è stato catturato l’esemplare in questione.
Osservazioni L’allevamento di tutti i signatidi presuppone una certa preparazione in campo acquariofilo ed una buona dose di abnegazione. La parte più impegnativa è sicuramente l’alimentazione. La vasca deve essere priva di qualsiasi animale urticante e ricca di vegetazione e anfratti.
Varie e curiosità E' molto difficile da allevare sia dal punto di vista d'ambientazione con un'acquario, sia dal punto di vista alimentare. Vedi sotto.
Alimentazione Molto difficile d'ambientare dal punto di vista alimentare.
Preferisce il cibo vivo come gammaridi e artemia salina anche se accetta successivamente cibo surgelato che va rigorosamente integrato con complessi vitaminici.
Incompatibilità Con tutte le attinie, i crostacei, i pesci (praticamente tutti).
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
5 - Molto difficile

Data ultima revisione: 11/03/2014
Autore scheda: Giovanni Verazza, con il contributo di Aldo Giannone, Michele Abbondanza.


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>