Tu sei qui: Home
Tripterygion melanurus (Guichenot, 1850)
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sott'ordine Blennioidei
Famiglia Tripterygiidae
Genere Tripterygion
Specie melanurus
/images/schede/foto_schede/t/tripterygion_melanurus.jpg
Autore foto: Roberto Pillon
Informazioni aggiuntive
Revisioni e sinonimi Sinonimi:
Tripterygium minor
Tripterygion minor
Nomi comuni italiani Peperoncino minore
In natura
Distribuzione Mar Mediterraneo, Isole Balerie, Sardegna, Algeria, Tunisia, Istraele, Libano, Turchia e Cipro.
Descrizione Il genere Tripterygion si caratterizza per avere ridotte dimesioni, corpo affusolato, allungato, muso appuntito e tre distinte pinne dorsali.
E' una specie in cui non vi è una netta distinzione cromatica tra i sessi, il colore di fondo è rosso vivo con sottili linee trasversali bianche sul dorso e capo scuro (solo di rado ha capo rosso, probabilmente negli esemplari più giovani) sempre marmoreggiato di bianco. Può avere o meno una piccola macchia scura sulla parte superiore del peduncolo della pinna caudale (in particolare se è presente la macchia scura si è di fronte a quella varietà cromatica che un tempo era considerata la sottospecie Tripterygion melanurus melanurus mentre se mancava era considerata la sottospecie Tripterygion melanurus minor).
Nei maschi in livrea riproduttiva il capo diventa nero intenso, il marmoreggiamento può diventare meno visibile e viene messa in risalto una fitta puntinatura bianca, gialla o azzurra.
Raggiunge al massimo i 5 cm di lunghezza.

Inserita in RED LIST nel 2011 - valutazione LC
Caratteristiche Si distingue dai congeneri per avere un muso più appuntito e marmoreggiato di bianco, una dimensione minore, un aspetto più esile e avere sottili linee bianche sul dorso.
La livrea del maschio in riproduzione (quindi rosso con testa nera) ricorda molto Blennius nigriceps, che è presente nello stesso biotopo, da cui si può distinguere osservando attentamente il capo in quanto Tripterygion melanurus ha dei puntini mentre B. nigriceps ha una serie di sottili linee azzurre che si intersecano fra loro a formare una sorta di reticolo.
In cattività
L'ambiente in vasca Ricreare un biotopo roccioso ricco di anfratti e piccoli buchi. Inserire alghe tipiche di questo ambiente come Halimeda tuna e Caulerpa prolifera.
Temperature Non superare i 24-25°.
Specie affini Tripterygion delaisi, Tripterygion tripteronotus
Difficoltà di allevamento
(Clicca qui per i livelli di difficoltà)
0 - Informazione non disponibile

Data ultima revisione: 17/10/2014
Autore scheda: Michele Abbondanza, con il contributo di Roberto Pillon


Gli articoli e le fotografie sono di proprietà degli autori come la responsabilità del contenuto. Il prelievo di immagini ed articoli è vietato senza il consenso degli autori o dell'associazione. Se in questo sito ci sono immagini o contenuti che violano i diritti d'autore comunicatecelo e verranno rimossi.

AIAM utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la visita sul sito. Scopri di più o modifica le tue impostazioni. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information
?>?>